Volanti: “Gli hanno tolto quasi tutto, non permetteremo che gli venga lesa anche la loro dignità professionale”

C O M U N I C A T O

L’abbiamo detto più di una volta e lo ripetiamo con forza, il servizio di Volanti è tra i più duri impegni professionali che l’attività di polizia richiede.

Lo è per il tipo di turnazione; lo è perché non c’è ricambio generazionale; lo è perché mancano le prospettive di un diverso impiego; lo è perché si affronta tutto e si deve essere capaci di gestire l’ampio e variegato mondo che entra in contatto con la nostra professione: liti in famiglie, lamentale dei cittadini, casi umani, rapine, furti, risse, ubriachi, balordi, pregiudicati e chi più ne ha più ne metta: lo è perché l’operato esterno è continuamente sotto i riflettori, della stampa, dei video-foto-telefonini, dell’opinione pubblica, del non sa chi sono io di turno; lo è perché su questo lavoro si costruiscono carriere, senza un minimo di riconoscenza morale; lo è perché prendere un giorno, saltare una notte, chiedere le ferie, partecipare ad un’assemblea sindacale, studiare, ammalarsi è sempre un fatto problematico e viene fatto vivere immancabilmente come tale; lo è anche in una ottica di organizzazione interna, essendo l’unico ufficio operativo presente h24, diventa naturale collettore dei molti rigagnoli provenienti dalle altre articolazioni della Questura.

Ma da oggi LO E’ ancor di più perché l’Amministrazione ha deciso di sindacare, cavillare, arzigogolare, spaccare il capello, mettere in discussione e confutare la Dignità Professionale dei colleghi in servizio alle Volanti. Attivare controlli sulle lesioni subite in servizio, certificate da una struttura pubblica e oggetto di condanna penale per l’aggressore è un attacco chiaro alla Dignità Professionale, e non solo, del collega.

Noi non mettiamo in discussione la legittimità degli strumenti usati, dopotutto è stata mandata la visita fiscale, mica si è indebitamente fatto pressione sul Pronto Soccorso, argomentano i minimalisti. Il punto non è questo, è la filosofia che anima l’uso degli strumenti legittimi e il modo come vengono usati, che ci spaventa.

Come si può fare un intervento con la dovuta concentrazione e serenità, quando oltre dalle mille insidie esterne ci si dovrà guardare anche da quelle interne?

Con quale spirito si affronteranno i mille dubbi, le molteplici sottigliezze con le quali la magistratura, l’opinione pubblica e i diretti interessati vivisezionano l’operato dei colleghi, ben sapendo che la stessa Amministrazione a prescindere dubiterà dell’operato?

Per noi queste sono tematiche di fondamentale importanza, per la funzionalità stessa di un così delicato servizio istituzionale. Abbiamo organizzato 5 assemblee, una per ogni turno, con tutti i colleghi delle Volanti per creare un momento di confronto. Al termine del ciclo di incontri valuteremo gli interventi da effettuare, non escludendo al momento, forti iniziative pubbliche.


  Volantino assemblee


Lascia un Commento

  

  

  

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.