Squadra Mobile: Premi e ricompense

“Se bastasse guardare la montagna e attendere che l’erba cresca, per essere proposti………”

Con questo paradosso che prende spunto da una barzelletta che gira all’interno della Squadra Mobile, vogliamo iniziare ad affrontare il problema dei premi e ricompense all’interno di detto Ufficio.

Che sia un problema sentito è indiscutibile, i premi e/o ricompense molte volte sono i soli riconoscimenti tangibili di un attività, quella investigativa, che richiede sacrificio, dedizione e capacità.

Come in tutte le questioni importanti, purtroppo attorno si crea una zona grigia, dove il furbo e l’opportunista rischia di mettere in discussione il diritto di chi merita.

Per dirla con una battuta, il concetto di Squadra trova la sua massima apoteosi quando si redige la lista nominativa da allegare alla proposta. Se fosse una squadra di calcio si dovrebbe annotare, a volte, che hanno giocato non solo le riserve, ma anche chi è andato in tribuna e qualche volta addirittura gli squalificati e gli infortunati.

L’Amministrazione ha una grande responsabilità: valorizzare tale strumento senza inflazionarlo, premiare il personale che ha dato e non creare squilibri di valutazione all’interno delle diverse anime della Mobile.

Comprendiamo che saper coniugare tali esigenze non è facile, ma confidiamo molto nella nuova gestione.

Sulla questione premi ricompense abbiamo chiesto un incontro con il Questore di Ancona e, nei prossimi giorni, incontreremo a Roma i nostri rappresentanti in seno alle Commissioni Ricompense.


Lascia un Commento

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.