Viabilità

Speciale: Verifica 2° semestre 2010 – Questura

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

  IRONIZZIAMO, ALTRIMENTI POTREMMO…

(Ironia, satira, iperboli e paradossi, modellati su fatti realmente accaduti in sede di verifica semestrale)

 

PRESCRIZIONE DELL’AZIONE SINDACALE – Nella verifica l’Amministrazione si è lamentata più volte, dopo alcune osservazioni mossegli, che queste non sono state mai sollevate in passato durante il mandato degli altri Questori. In un primo momento abbiamo cercato di far comprendere che, oltre a non trovare riscontro nella pratica, tale doglianza è fuori luogo anche in linea di principio. Della nostra inazione abbiamo solamente una responsabilità politica verso i nostri iscritti, mentre l’inazione dell’Amministrazione è sanzionata a norma di legge in quanto il fare è un diritto/dovere previsto da una norma positiva. Successivamente ci siamo arresi davanti al coup de théâtre dell’Amministrazione che ha estratto dal suo cilindro magico, l’ennesima circolare, questa volta della Funzione Pubblica, che fornisce un’ineccepibile chiave di lettura e mette la parola fine alla disputa:

“Il DPR 22.6.2007 n. 116, recante il regolamento in materia di "azione sindacale dormiente", prevede l’estinzione di tale diritto qualora non venga esercitata entro sei mesi dal fatto o quando venga contestato ad un Questore che al momento in cui il fatto sia accaduto non era nella piena titolarità della Questura sotto la cui giurisdizione ricadeva l’accadimento (legge 23.12.2005 n. 266, art. 1, comma 345). Ai fini della determinazione dello stato di dormienza, il Ministero dell’Interno, con apposita circolare interpretativa, ha fornito alcune precisazioni in merito al "Principio di unitarietà dei rapporti", chiarendo che, nel caso in cui un Sindacato sia titolare di un’azione dormiente e parallelamente di un altra azione non dormiente, la “dormienza” si estende a entrambe le posizioni. La semplice lamentela sindacale non è invece da considerarsi idonea ad interrompere la dormienza di un azione sindacale (Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza 06.05.2008 n. 3200) “.

REGISTRO BUONI PASTO vs FOGLIO FIRMA GIORNALIERO – Il registro dei buoni pasto è un registro prestampato, composto da 5 colonne. Nella prima va apposta la data, nella seconda il nominativo dell’avente diritto, nella terza il numero progressivo del buono pasto, nella quarta la sigla P (=pranzo) o C (=cena) e nell’ultima colonna la firma. Dopo questa verifica la Questura di Ancona lo adotta anche come foglio firma della presenza giornaliera, con alcune modifiche. Prima tra tutti viene introdotta la S (=spuntino), poi le tre sigle vengono tramutate in Cturno mattutino Pturno pomeridianoSturno serale.

Et voilà il gioco è fatto. Perché fare due registri, quando, con un po’ di fantasia, ne basta uno per assolvere entrambe le funzioni. E’ proprio vero che al Ministero sono tutti burocrati, poco inclini alla semplificazione e alla praticità delle cose.

DOCUMENTAZIONE SOSTITUTIVA – Ulteriore circolare dell’Amministrazione, anche qui tirata fuori dal cassetto dei miracoli, all’ultimo momento, ha gettato nello sconforto l’intero fronte sindacale che ha dovuto ammettere la sconfitta in una battaglia dialettica veramente impari, dopotutto “ vi abbiamo dato quello che avevamo”. La Circolare 557/RU/01/112/0960 dell’8.3.2010 così recita:

“ …….d) I titolari degli Uffici sede di contrattazione decentrata dovranno, entro 10 giorni prima della data dell’incontro, inviare alle Organizzazioni Sindacali un prospetto riepilogativo dei dati rilevanti ai fini della verifica e mettono a disposizione la documentazione relativa garantendone il diritto all’accesso fino al compimento della verifica stessa e, successivamente, ai sensi della Legge nr. 241/1990……

h) Consegna del Foglio Firma giornaliero o Documenti equipollenti

Come dispone l’art. 35 del D.P.R. 446/2000, i documenti equipollenti al foglio firma giornaliero sono:

  • il registro dei buoni pasto nella versione originale P=pranzo, C=cena
  • il registro dei buoni pasto nella versione modificata P=pranzo, C=cena S=spuntino
  • il registro dei buoni pasto nella versione adattata al servizio P=pomeriggio, C=mattutino S=serale
  • il libretto di pensione
  • il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici
  • qualsiasi altro registro, documento, foglio di carta purché munite di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un’amministrazione dello Stato”.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Lascia un Commento

È possibile utilizzare these tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>