Segreteria di Sezione Polizia Marittima

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

C O M U N I C A T O

In data 20 ottobre 2010 presso la Polmare di Ancona, durante il ciclo Assemblee sui posti di lavoro 2010 – 2011, unitamente alla sezione Locale ha apportato il suo contributo la Segreteria Provinciale, durante l'incontro si è discusso dei seguenti temi:

 

  • contratto;
  • riordino carriere;
  • previdenza complementare;
  • problematiche sul luogo di lavoro.

Durante la discussione sono emerse diverse problematiche che hanno evidenziato l'indiscutibile competenza dei colleghi, coltivata in diversi anni di esperienza, che giornalmente operano sul “territorio”.

Primo punto:

tra i temi emersi, in previsione della prossima stagione estiva 2011, sarebbe auspicabile un miglioramento del transito passeggeri “ARRIVI – PARTENZE”. Così come oggi strutturato dal punto di vista operativo – dell'operatore sul territorio (scusate il gioco di parole, ma è fondamentale sottolinearlo) – presenta non poche difficoltà operative. Sarebbe senz'altro migliorativa, della condizione attuale, la creazione di un imbarco e uno sbarco simile al modello aeroportuale. Data l'ampiezza della (vecchia) stazione marittima si potrebbe modificare il percorso passeggeri creando due distinti e separati ingressi e uscite, in modo da evitare code inutili – dato spesso il concomitante arrivo e partenze di motonavi – ottimizzando il controllo passeggeri che nel periodo estivo raggiungono quasi le 6000 unità giornaliere. Viene indicato quale possibile luogo di realizzazione lo spazio a suo tempo utilizzato dalle agenzie ora totalmente in disuso. Per questo punto comprendiamo che non rientra nei canoni classici di una rivendicazione sindacala, ma si chiede a codesta Segreteria di farsi portavoce degli operatori di frontiera, presso le sedi opportune visto il miglioramento operativo che ne deriverebbe.

Secondo punto:

i colleghi hanno sottolineato la mancanza della possibilità, in caso di urgenti necessità operative, di utilizzo dei tornelli situati nell'area portuale accessibili tramite badge (preventivamente autorizzato). Si sottolineava il fatto che personale civile operante nel porto (persino personale addetto alla sua pulizia!?!) ne è dotato mentre il personale della Polizia di Stato ivi operante non possiede detta autorizzazione.

Terzo punto:

i colleghi capi turno hanno evidenziato la mancanza di un apposito luogo attrezzato di computer ove “acquisire” le denunzie presentate dai cittadini che dovessero esporle negli orari di chiusura degli uffici.

L'ufficio preposto sembra in disuso da tempo immemore per un banale intervento di ripristino a causa di infiltrazione d'acqua e conseguente distacco dell'intonaco imponendo l'uso del terminale presente presso la sala radio. Altra possibilità sarebbe presso la (vecchia) stazione marittima, ma il suo stato (pietoso) e la frequente stesura di atti dati dalla quotidiana attività lavorativa rende improponibile detta eventualità.

Quarto punto:

sempre riguardante un banalissimo intervento di un “muratore” da mesi ormai si aspetta di far ritornare la Sala Radio luogo idoneo al servizio H24 quale dovrebbe essere. L'inquinamento acustico risultante dall'istallazione dei server per il funzionamento della rete intranet ha ormai raggiunto i livelli di guardia.

Quinto punto:

alcuni colleghi in servizio presso il centralino chiedono di verificare la possibilità di effettuare il turno di servizio su cinque turni lavorativi in deroga all'accordo quadro come da fac-simile consegnato. Tale turno viene già svolto in diverse realtà lavorative.

Per la verifica, la risoluzione e la proposta dei temi avanzati si dà mandato alla Segreteria Provinciale SIULP ringraziandoli per il loro sollecito intervento.


Condividi
Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Lascia un Commento

È possibile utilizzare these tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>