Segreteria di Sezione Polizia Marittima: “Ristrutturazione immobile”

Dopo le denunzie del SIULP sugli organi di stampa – tramite comunicato del 20 gennaio, pubblicato su varie testate giornalistiche – e i vari colloqui tenuti con l'Amministrazione locale, si da atto, che, con nota datata 10 febbraio 2011 del dirigente dell'Ufficio Polizia di Frontiera, questa O.S. veniva informata; “dell'avvio della progettazione, da parte del competente Provveditorato delle Opere Pubbliche, dei lavori di ristrutturazione dello stabile sede di questo ufficio.”

…È evidente che le procedure per ridare dignità logistica alla Polmare Ancona, hanno avuto inizio solo dopo la denunzia del SIULP provinciale di Ancona.

…È altrettanto evidente che questa O.S. non si fermerà e vigilerà affinché alle promesse di “avvio della progettazione… ristrutturazione”, seguano RISULTATI CONCRETI E TANGIBILI.

La dignità del personale della Polizia di Stato, non può più ammettere condizioni logistiche fatiscenti come quelle oggi presenti.

Inoltre sorge spontanea una domanda:

Il milione e seicentomila passeggeri transitati nei primi 11 mesi del 2010 (notizia ANSA Mer, 2010-12-22 14:50) nel porto di Ancona, cosa avranno pensato della Polizia di Stato vedendo i suoi rappresentanti costretti ad operare in ambienti così poco dignitosi?

Se pensiamo che l'incremento complessivo dei transiti alla frontiera, rispetto al precedente periodo del 2009, è stato quantificato dall'Autorità Portuale in un aumento del 5,8% (ed il trend sembrerebbe essere confermato anche per il nuovo anno), cosa penserà della Polizia di Stato il cittadino che si trova a passare nel suddetto sedime?

Auspicando che il percorso iniziato venga portato a termine nel più breve tempo possibile, questa O.S. terrà informati tutti i colleghi su ogni novità che dovesse emergere durante l'iter per la risoluzione del problema.


Lascia un Commento

  

  

  

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.