POLIZIA STRADALE: “Gli accordi vanno rispettati”

Il Ministero risponde alle nostre osservazioni: ai turnisti il giorno libero va conteggiato ogni 28 giorni e non ogni 35. Inoltre le 11 ore di stacco tra un servizio e l’altro vanno rispettate, salvo diversa contrattazione periferica.

Oggi abbiamo due incontri alla Stradale. Il primo è l’ennesimo esame congiunto costretti a chiedere per evidenziare un ulteriore  tentativo di aggirare la contrattazione; il secondo sarà con il Dirigente del Compartimento a cui chiederemo di applicare, da subito e con effetto retroattivo, la contrattazione decentrata in cui si prevedeva la concessione del giorno libero al turnista ogni 28 giorni e non ogni 35 come avviene alla Stradale di Ancona.

Su questo punto il Ministero ha risposto, dietro nostra sollecitazione, con una nota indirizzata a tutti i Dirigenti dei Compartimenti Polstrada.

Non sarà un incontro dibattito, ci interessa solamente capire se l’Amministrazione periferica si adeguerà o meno;  per noi la questione era chiara dall’inizio e adesso ci auguriamo che lo sia per tutti.

Siamo sereni, ma non ottimisti. Oramai la Stradale ci ha abituato a relazioni sindacali gommose, dove tutto viene assorbito e nulla viene rimbalzato.

Oggi per noi sarà il discrimine tra il continuare a tenere relazioni sindacali  bilaterali o demandare ad un terzo imparziale l’interpretazione di quelle norme che si cerca continuamente di disconoscere e che sono la cornice entro la quale ci si rapporta.


Lascia un Commento

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.