Viabilità

EMERGENZA FURTI – Turni notturni Squadra Mobile

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

F A T T O

Nei giorni scorsi l’Amministrazione ci comunicava, tramite due informazioni preventive, che la Squadra Mobile e l’Anticrimine avrebbero svolto alcuni servizi notturni a causa dell’emergenza furti, che sta imperversando ad Ancona e Provincia.

Dietro nostra richiesta, venerdì 16 marzo si è svolto l’esame congiunto in cui intimavamo l’Amministrazione al rispetto dell’ANQ. Lo stesso prevede che, subito dopo i primi turni dettati dalla ipotetica emergenza, si devono avviare le procedure per la contrattazione degli stessi.
A seguito di ciò l’Amministrazione, senza variare la programmazione settimanale in cui già era stato inserito il turno 06.00, convocava per lunedì 19 marzo tutte le OO.SS. per contrattare tale turno alla sola Squadra Mobile. Nell’incontro il SIULP diceva no al turno 06.00, nonostante altre sigle fossero favorevoli; la proposta dell’Amministrazione veniva bocciata.
 

Nella vicenda vi è una questione formale e una sostanziale. La questione formale attiene alle procedure. Non ci si presenta al tavolo contrattuale con i turni già inseriti nella programmazione settimanale.

L’altra questione attiene il merito della situazione. L’esigenza di dare risposte ai cittadini crediamo che sia prioritaria, quello che non condividiamo è la risposta data.

Come sempre siamo ai soliti palliativi mediatici dove ognuno dei soggetti deputati alla sicurezza pubblica gioca la sua partita solitaria; s’invoca l’emergenza, ma chi dovrebbe essere deputato a gestire la cabina di regia ancora non si è visto: ci riferiamo al Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.

Perché la stranezza è anche questa; vi è allarme sociale in tutto il territorio comunale e in parte di quello provinciale e l’organo deputato a dare direttive non si riunisce o lo farà in ritardo.

Di contro ognuno dei suoi componenti va per conto proprio: i vigili annunciano pattuglie notturne e poi sembra che facciano un passo indietro, le altre forze di Polizia elaborano piani strategici (ci scusiamo per l’aggettivo un po’ forte) ognuna per la sua strada.

Non vorremmo che finisse come in quei vecchi film, dove ognuno segnala alla propria sala operativa movimenti sospetti di individui che, alla fine, risultano essere pattuglie civetta delle diverse polizie in campo.

Ritornando alla situazione della Questura pensare che tre turni notturni di controllo del territorio della Squadra Mobile siano la risposta alle esigenze dei cittadini significa, oltre a mortificare le professionalità di tale ufficio investigativo, mettere in campo una risposta al problema effimera e basata sulla buona sorte.

L’Amministrazione ci ha richiamato sul tavolo contrattuale alle nostre ipotetiche responsabilità. Alla stessa vogliamo ricordare che condividiamo l’obiettivo, ma siamo completamente critici con le misure che il Capo della Questura vorrebbe adottare; allo stesso invece chiediamo di esercitare appieno l’altra sua funzione, cioè quella di Autorità Provinciale di P.S. che dovrebbe, tramite apposita ordinanza, coordinare l’intervento di tutte le Forze di Polizia in campo.

Per ultimo ci piace ricordare che siamo il Sindacato dei Poliziotti, ma non quello dell’apparato decisionale dell’Amministrazione, significando che non avremo nessuna remora a sviluppare le nostre riflessioni critiche, rispetto alla strategia di contrasto, anche pubblicamente.


Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Lascia un Commento

È possibile utilizzare these tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>