COMMISSARIATO FABRIANO: un presidio strategico, per la sicurezza dei cittadini dell’entroterra, che si vuole di fatto depotenziare

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Domani mattina alle ore 11 abbiamo indetto un assemblea presso il Commissariato di Fabriano, richiesta dai colleghi, per fare il punto sullo stato di abbandono in cui è stato lasciato dai vertici della sicurezza provinciali.

Nessun ripianamento dell’organico da anni, non si raggiunge neanche la pianta organica ipotizzata una 30 di anni fa, che prevedeva 36 uomini, numero tarato sull’ esigenze di sicurezza di allora, che sono completamente diverse da quelle odierne.

Il Commissariato ha un saldo negativo (trasferimenti in entrata e uscita e pensionamenti) ultimi 6 anni di quasi meno il 20% di personale.

A questo si aggiunge un taglio sostanzioso, da parte del Questore, delle assegnazioni economiche mensili relativi allo straordinario.

Nel mese di dicembre su straordinari obbligatori emergenti, legati ad attività di Polizia svolta al servizio dei cittadini quali arresti, controllo del territorio, ordine e sicurezza pubblica, vi è stato un taglio superiore del 21% rispetto alla già esigua assegnazione mensile.

Tutto ciò è in contrasto con le recenti visite “pastorali” del Questore e dei suoi collaboratori al personale in servizio al Commissariato dove si annunciava apertamente che i problemi del commissariato sarebbero stati affrontati, annunciando un potenziamento in termini di risorse economiche ed umane.

Vi sono certamente dei problemi strutturali di un sistema sicurezza inadeguato e da riformare, ma molte cose possono e devono essere fatte a livello locale, perché così si sta depotenziando uno dei presidi strategici all’interno della provincia di Ancona, vista anche la distanza dal capoluogo.

Il tutto è aggravato dal fatto che la Questura ha ricevuto nelle ultime assegnazioni ministeriali delle unità per compensare in parte il turn-over ai commissariati.

Ma ritardi, inefficienze e sottovalutazione dei problemi stanno bloccando quello che è una logica e prevista assegnazione di personale, che rimane attualmente in forza alla Questura di Ancona.

Gli effetti negativi si stanno riverberando sui diritti del personale in servizio al Commissariato e sui cittadini che vedono sempre più depotenziato il principale presidio per la loro sicurezza.

A termine dell’incontro con il colleghi si decideranno le iniziative da intraprendere.


  Rassegna stampa di martedì 14 gennaio 2014


Condividi
Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Lascia un Commento

È possibile utilizzare these tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>