“Sicurezza sul Lavoro” – Sempre alta l’attenzione del SIULP

Si sono rivelati giusti i rilievi sollevati nel corso della riunione periodica del 18 ottobre 2009, dove il rappresentante del SIULP, Francesco SIMONCIONI, evidenziava alcune anomalie nel D.V.R. (Documento sulla Valutazione del Rischio).

Il documento, risultato alquanto generico, oltre a non prevedere rischi specifici per ambienti di lavoro quali Zona TLC, o gabinetto di Polizia Scientifica, prevedeva addirittura 4 datori di lavoro firmatari: il Questore, i Dirigenti della Scientifica, Polstrada e Zona TLC.

Tale impostazione non viene contemplata dalla norma, anche in considerazione del fatto che una eventuale responsabilità penale è personale e non può essere condivisa.

Stessi rilievi sono stati sollevati anche nella visita che l’ufficio ispettivo nella persona del dott. Rossi ha effettuato presso la Questura, pertanto, si è provveduto correttamente alla stesura di DVR specifici per la ZONA TLC, Polstrada e Scientifica, firmati ognuno dal rispettivo datore di lavoro.

Negli stessi, vengono approfonditi con cura i rischi specifici di ogni peculiare attività, prevedendo un ciclo di formazione specifica (attualmente in fase di programmazione) per gli addetti alla manutenzione di antenne ripetitori presso la scuola di Moena, allo scopo di apprendere le tecniche per un corretto approccio al lavoro in quota.

Gli stessi addetti verranno sottoposti anche a visita preventiva al fine di scongiurare patologie che contrastino con il tipo di attività in quota, anche se saltuaria.

L’attenzione alla sicurezza per il SIULP è, e rimane una priorità, anche se troppo spesso occorre fare i conti con l’esiguità dei fondi necessari a garantire luoghi di lavoro sicuri. Una attenta disamina del Documento della Valutazione dei Rischi si è dimostrato un valido momento di partecipazione utile ad innalzare il livello di sicurezza.


Lascia un Commento

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.